Il caso M.M. – Torino

Sono una paziente in cura a Torino.

Dopo aver eseguito sulla mia schiena già operata nel 2007 di stabilizzazione lombare L5 S1 una peridurografia, avendo io sentito tanto male nel fare la diagnosi con il liquido di contrasto e avendo il medico algologo accertato che per me sarebbe da fare una periduroscopia…………mi viene detta testuale frase……..” è da fare, solo che in questo periodo di crisi, mancano i soldi per comperare quanto serve per eseguire l’occorrente per eseguirla”.

 ………immagino quindi avendo detto così che il dottore, conoscendolo essendo in cura qui da diversi anni, abbia la capacità, la manualità e l’intelletto per eseguire tale procedura…………ma il fatto che non ci siano fondi, non riesco a capire.

E’ come dire a un malato di cancro devi fare la chemio ma abbiamo finito i fondi qui a Torino ………………. mi domando da persona profana in materia, ma questo materiale per eseguire questa periduroscopia non può essere in prestata a lui per poterla eseguire, senza dover far girare le persone come dei birilli, visto che fare un viaggio in macchina per chi soffre di mal di schiena non è poi così tanto piacevole.

Poi ci sono anche dei giovani come io in questo caso, che in casa mi trovo due ragazzi in età scolare minorenni, e sfortunatamente con dei nonni defunti e due rimasti con dei problemi di salute, quindi a certe persone viene molto difficile spostarsi ………… mi sembra assurdo che una città come quella di Torino, nessun medico sia in grado di eseguire la periduroscopia, per me è una mancanza molto grave………parlo di Torino, non di un paese dell’Africa!!!!….

Sero che voi potrebbe dare voce a questo capitolo e aiutarmi, poichè dopo ben 5 anni di dolore sono ben stanca di soffrire ancora, per poter muovermi uso una sedia a rotelle e spesso e volentieri sono lettizzata, per i dolori acuti che non mi permettono di rimanere in piedi e poco seduta, visto che ho trovato la soluzione per porre fine alle mie sofferenze, mi sembra anche vergognoso che un medico si deve trovare costretto a rifiutare una terapia a una sua paziente …………… sono certa di essere presa in considerazione e di poter essere aiutata……….

grazie M. M.