Il caso A.S. – Napoli

Gentile interlocutore,

sono il figlio di Pietro, sofferente da un paio di anni di forti dolori le cui cause non sono state ancora individuate ma sicuramente dipendenti da patologie riconducibili alla cardiopatia ischemica progressiva diagnosticatagli da diversi cardiologi, che determinerebbe una angina pectoris cronica, o da lombosciatalgie e discopatie multiple diagnosticatagli da altrettanti ortopedici. Gli stessi medici, concordi con quello generico, in diverse occasioni, hanno somministrato a mio padre alcuni farmaci antidolorifici e antinfiammatori che però hanno solo acuito il problema. Nessuno di questi, sollecitati dal sottoscritto, ha mai deciso di indirizzare mio padre da un terapista del dolore, adducendo in merito che tali terapie sono solitamente destinate a malati di tumore in fase terminale.

In relazione a ciò, Vi chiedo, e Vi prego di darmi un cortese urgente cenno di riscontro considerata la disperazione di mio padre e di noi tutti i familiari, di comunicarmi al seguente indirizzo e-mail i Centri di terapia del doloro possibilmente più prossimi alla mia città, che è Napoli, oppure il recapito di un professionista del genere.

Cordialmente La saluto.

A. S., Napoli

Articolo pubblicato il: 15/09/2006